Eventi

METAMORPHOSIS

da  27 apr 2021  a  18 lug 2021

Mostra collettiva di arte contemporanea

Mostra

METAMORPHOSIS
a cura di Giovanni Berera, Paolo Bolpagni, Sonia D’Alto
La settecentesca villa comasca torna ad accogliere installazioni di arte contemporanea in occasione della trentesima edizione di MINIARTEXTIL.
27 aprile - 18 luglio 2021
Como - Villa Olmo

Metamorphosis è una narrazione polifonica che disarticola una costellazione di voci, prospettive e saperi differenti. Ibridazione, mescolanza e confluenza di differenze coincidono nello stesso spazio, secondo un’ambiguità categoriale di fondo. Le opere sono parte di un processo di contaminazione tra tecniche e media, tra tradizione e innovazione, riuso e ripetizione.
La mostra è un tentativo di negoziazione con la tradizione e l’abilità di adattarsi e continuamente reinventarsi, misurandosi anche con le invenzioni tecnologiche. Pratiche collaborative, vernacolari e artigianali, che per decenni sono state marginalizzate dal progresso, ritornano nella produzione artistica. Non sono conversioni - trasformazioni singole, né rivoluzioni- trasformazioni socio-politiche. Si tratta, invece, di una soglia dove dimensione intima e dimensione cosmica si incontrano.

Metamorphosis unisce la grande scultura Senza titolo (2007) di Jannis Kounellis (Il Pireo, Grecia, 1936 - Roma, 2017) composta di gomitoli di cotone, lastre di ferro e piombo, con una gigantesca e morbida balena di Nedko Solakov (ČervenBrjag, Bulgaria, 1957), una cometa di tessuto e pittura di Sheila Hicks (Hastings, Stati Uniti, 1934), con le opere di Daniel Buren (Boulogne-Billancourt, Francia, 1938) Triptyqueélectrique - Vert (2012-2014) e Boîte à LED rayée pour monochrome (2012-2014) realizzate in fibra ottica; e ancora l’opera dell’israeliano Ariel Schlesinger (Gerusalemme, 1980) e di Jonathan Monk (Leicester, Inghilterra, 1969) e un tappeto persiano rivisitato del maestro tedesco Hans-Peter Feldmann (Düsseldorf, 1941).
Le installazioni site specific di Matteo Nasini (Roma, 1976) e Giulia Cenci (Cortona, 1988) sono accanto a W0934.B di Margherita Raso (Lecco, 1991), all’arazzo e al video Whoisafraid of Ideaology, part I and II dell’artista e ricercatrice Marwa Arsanios (Washington, 1978), alle opere in pelle, silicone e pastelli realizzate da Raphaela Vogel (Norimberga, 1988). Il grande arazzo in seta con luci verdi al neon Mysticalprotest, realizzato nel 2011 dal collettivo polacco Slavs and Tatars (2006), dialoga con l’opera di Maria Thereza Alves (San Paolo del Brasile, 1961).
In mostra anche quattro dipinti di Gianfranco Ferroni (Livorno, 1927 - Bergamo, 2001) e i meravigliosi arazzi di Maurizio Donzelli (Brescia, 1958) che rivestono il Salone d’onore della Villa.
Il fascino delle opere esposte e l’importanza degli artisti coinvolti rendono Metamorphosis il progetto ideale per comporre, insieme a Miniartextil, un racconto approfondito e di qualità dedicato a una particolare area espressiva dell’arte contemporanea internazionale, caratterizzata da una storia lunga, ricca e in continua evoluzione.

La mostra, realizzata dalla Fondazione Bortolaso Totaro Sponga in occasione della trentesima edizione di Miniartextil, compone insieme alla manifestazione cittadina dedicata alla fiber art, un percorso culturale unico tra le Mura e il Lago.

Info

dove: Villa Olmo, via Cantoni 1 - Como

Infoline 351.6154414

Biglietto di ingresso 7 euro

Orari

Da martedì a domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.00

Luogo: Villa Olmo
indietro
 

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.