Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.

Porta di Como Romana

L’ingresso alla città romana

Principale porta d’accesso alla Como romana, era il luogo di passaggio di coloro che arrivavano in città da Milano. La porta fu scoperta nel 1914 ed è ora visitabile grazie al progetto di restauro portato avanti negli ultimi anni.

La storia
La porta ha due aperture separate da un pilastro centrale e fiancheggiata da due torri ottagonali ed era l’ingresso principale a Novum Comum per chi giungeva da Milano, e in genere dalla pianura padana, diretto verso Nord attraverso il lago o la via Regina. Era transitabile anche dai carri, come dimostrano i solchi presenti sulla soglia in pietra. Gli accessi potevano essere chiusi da saracinesche calate dal piano superiore, che scorrevano entro guide in serizzo, inserite nei piedritti laterali. Nella torre occidentale, in un secondo momento, venne ricavato un passaggio pedonale lastricato, ancor oggi ben visibile. La Porta si apre al centro del lato sud delle mura d’età cesariana: verso la fine del II secolo, quando ormai aveva perso la sua funzione difensiva, fu abbellita con lastre e cornici di marmo di cui restano ancora alcuni elementi. Dopo la fine dell’impero romano subì una nuova ristrutturazione e recuperò la sua originaria funzione difensiva.

Il percorso
Grazie ad un contributo della Comunità Europea è stato possibile installare tre postazioni multimediali, ciascuna delle quali prevede una versione in italiano e una in inglese, che arricchiscono la visita. La prima consiste in un libro virtuale, che tratta delle vicende legate alla costruzione e alla vita della “Porta Pretoria”, con riferimenti anche agli scavi eseguiti nell’area.
Nella sala adiacente è collocata una seconda applicazione che offre ai visitatori la possibilità di conoscere le principali evidenze archeologiche della Como romana, seguendo quattro percorsi legati da un tema preciso: Il tempo libero – La città – Il viaggio – Le necropoli.
La terza postazione, al piano seminterrato, riguarda le tecniche edilizie in uso in epoca romana.

Dove
Largo Gianfranco Miglio 1
Telefono:+39 031 252550

Ingresso su prenotazione
È possibile effettuare la visita ai resti monumentali della “Porta Pretoria” nei giorni e negli orari di apertura del Museo Archeologico esclusivamente su prenotazione, contattando preventivamente il numero 031252550 da martedì a sabato dalle 10.00 alle 12 e dalle 15.00 alle 17.00.

Costi
Tariffe in vigore dall'1 aprile 2018
Tariffa intera € 4,00
: da 18 a 69 anni
Tariffa ridotta € 2,00:
Gruppi da 15 persone in su (cadauno)
Minori da 6 a 17 anni
Anziani over 70 anni
Dipendenti Comune di Como
Tariffa cumulativa: € 10,00:
Biglietto cumulativo (Musei, Pinacoteca, Tempio Voltiano): 10 euro (valido per 2 giorni consecutivi)
Family pass (due adulti e due ragazzi 6-17 per struttura): 10 euro
Accesso gratuito:
Minori di anni 6
disabili con 1 accompagnatore
soci ICOM
1 insegnante ogni 15 alunni o frazione
iscritti all'Ordine dei giornalisti e guide turistiche con tessera professionale
Card musei Lombardia - clicca per informazioni

indietro